sabato 16 gennaio 2021

Recensione "La casa sull'argine", Daniela Raimondi

 


Autrice: Daniela Raimondi

Titolo: La casa sull'argine

Prezzo: cartaceo 17,10   e-book 9,99

Link d'acquisto: QUI


"Molti hanno gli occhi neri, la stessa espressione inquieta nello sguardo; altri gli occhi chiari e lo sguardo inconfondibile dei sognatori. Ma in ognuno vedo la stessa storia: una storia di terra..."


Trama

La famiglia Casadio vive da sempre nel borgo di Stellata, all'incrocio tra Lombardia, Emilia e Veneto. Gente semplice, schietta, lavoratrice. Poi, all'inizio dell'Ottocento, qualcosa cambia: Giacomo Casadio s'innamora di Viollca Toska, una zingara, e la sposa. Da quel momento, i discendenti della famiglia si dividono in due ceppi: i sognatori dagli occhi azzurri e dai capelli biondi, che raccolgono l'eredità di Giacomo, e i sensitivi, che hanno gli occhi e i capelli neri di Viollca, la veggente. Da Achille, deciso a scoprire quanto pesa un respiro, a Edvige, che gioca a briscola con lo zio morto due secoli prima; da Adele, che si spinge fino in Brasile, a Neve, che emana un dolce profumo quando è felice, i Casadio vivono sospesi tra l'irrefrenabile desiderio di sfidare il destino e la pericolosa abitudine di inseguire i loro sogni. E portano ogni scelta sino in fondo, non importa se dettata dall'amore o dalla ribellione, dalla sete di giustizia o dalla volontà di cambiare il mondo. Ma soprattutto a onta della terribile profezia che Viollca ha letto nei tarocchi in una notte di tempesta... La saga di una famiglia che si dipana attraverso due secoli di Storia, percorrendo gli eventi che hanno segnato l'Italia: dai moti rivoluzionari che portarono all'Unità fino agli Anni di Piombo.

"La felicità è fatta della stessa materia di cui son fatti i sogni e il male della vita, per tutti noi, non è stato correre dietro ai sogni, ma rinunciarvi."

Recensione

Buongiorno e bentornati sul blog con la recensione del romanzo "La casa sull'argine la saga della famiglia Casadio" di Daniela Raimondi; una storia famigliare, che inizia quando Giacomo Casadio si innamora della zingara Viollca, con cui si sposa e avrà dei figli. Da quel matrimonio in poi, vivremo le vicende, belle e brutte di tutta la famiglia: ci saranno personaggi con gli occhi chiari, altri scuri, ma tutti con una storia nel sangue: quella della terra.

Due secoli di storia: prima e seconda guerra mondiale, come ho detto dal matrimonio di Giacomo con Viollca la famiglia sarà divisa in due: i sognatori dagli occhi azzurri e dai capelli biondi, che raccolgono l’eredità di Giacomo, e i sensitivi, che hanno gli occhi e i capelli neri di Viollca, la veggente. Da Achille, deciso a scoprire quanto pesa un respiro, a Edvige, che gioca a briscola con lo zio morto due secoli prima; da Adele, che si spinge fino in Brasile, a Neve, che emana un dolce profumo quando è felice, i Casadio vivono sospesi tra l'irrefrenabile desiderio di sfidare il destino e la pericolosa abitudine di inseguire i loro sogni. E portano ogni scelta sino in fondo, non importa se dettata dall'amore o dalla ribellione, dalla sete di giustizia o dalla volontà di cambiare il mondo. Ma soprattutto a onta della terribile profezia che Viollca ha letto nei tarocchi in una notte di tempesta…

Un libro che vi terrà incollati fino alla fine, che vi farà ridere, piangere, urlare e tanto altro; siete amanti delle saghe famigliari? Allora non dovete perdere questo romanzo!


La mia valutazione


Alla prossima

Luce <3


«È per colpa di una zingara che la famiglia si è imbastardita.»

3 commenti:

  1. Mi piacciono le storie di famiglia... me lo segno. Grazie per la recensione!

    RispondiElimina
  2. Grazie mille per il tempo che m8 hai dedicato e per le tue parole!

    RispondiElimina