mercoledì 13 novembre 2019

WWW... wednesday #86

 Salve a tutti ragazzi e ben arrivati a metà settimana; come di consueto, essendo oggi mercoledì, vi illustro le mie attuali letture, quelle finite e quelle da iniziare.
Il WWW Wednesday, è una rubrica settimanale ideata da MizB (Should be Reading . nata per far sapere a voi lettori le mie letture appena concluse, quelle attuali e le prossime!!



1. What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?


L'ho iniziato, ma, come sempre, è già in pausa, a causa di letture più urgenti!


Libro in sospeso, perché sto leggendo altro, più urgentino, ma lo riprendo!


Ho iniziato questo, per il Review Tour, avrete la recensione a dicembre! E' il 4 di una serie, prima o poi leggerò anche gli altri tre, promesso!

2.What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?


Storia di una ragazza e della sua voglia di cambiare vita;se avete perso la recensione la trovate QUI


Questo l'ho letto per il suo Review Party, la recensione sarà online il 2/12!



Esatto, ho finito anche la dilogia di Penelope (prima o poi riuscirò a leggere anche lo spin-off su Matt, ma ci vorrà un po'!); la recensione, che sarà un post UNICO PER ENTRAMBI I LIBRI, sarà online il 15/12

3. What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?



Appena riuscirò a terminare il primo volume della Rosa del deserto, leggerò questo!


Giuro che appena finisco le letture a cui devo dare la precedenza e Fantasmi del Mercato delle Ombre (di cui avrete la recensione appena riesco a terminarlo), la leggo!


Ed eccoci alla fine dell'86esimo WWW! E voi cosa state leggendo? Cosa avete finito e cosa leggerete?


Alla prossima


Luce <3

lunedì 11 novembre 2019

Cover reveal "Quando arriverà la neve", Vanessa Vescera

Buongiorno e bentornati sul blog con un nuovo cover reveal



Titolo: Quando arriverà la neve
Autore: Vanessa Vescera
Data uscita: 21 Novembre 2019
Genere: Contemporary Romance
Editore: Self-Publishing
eBook in promo a: 0,99 €
Prezzo ufficiale: 2,99 €
Link pre-order: https://amzn.to/32iVjWf






Trama
Ashley Cooper è una famosa giornalista e odia il Natale.
Da cinque anni vive relegata in casa e lavora dal suo pc, senza alcuna intenzione di tornare a vivere tra la gente.
Ma il destino per lei ha altri progetti.
Quando scoppia un incendio nel palazzo in cui vive è costretta ad evacuare dall’edificio e il suo salvatore è il suo vicino fastidioso, rumoroso, burbero e sexy da togliere il fiato.
Derryl, ex vigile del fuoco, la trascina fuori contro la sua volontà, mettendo a tacere tutte le sue lamentele.
Ritrovarsi nel mondo la spaventa ma ora che nuove sensazioni la fanno sentire di nuovo viva e coraggiosa non si può più tirare indietro.
E se da un salvataggio nascesse un’attrazione travolgente nonché la cura a dolori taciuti?
Se fosse giunto il momento di lasciare andare il passato e di accogliere nuovamente l’amore?
In una New York piena di luci e che profuma di Natale, un amore travolgente dona la speranza a due cuori che non hanno più nulla a cui credere.
Quando arriverà la neve... solo allora tutti troveranno la loro strada.



Per oggi è tutto, quanto vi ispira??
A presto


Luce <3

sabato 9 novembre 2019

Recensione "Non ti perdere", Giada Fariseo




Autrice: Giada Fariseo
Titolo: Non ti perdere
Prezzo: cartaceo 12,74  e-book 3,99

Link d'acquisto: QUI








"Il fuoco del camino rifletteva le loro ombre intrecciate sulle pareti della stanza mentre i loro corpi si

fondevano l’ uno nell’altro proprio nell’attimo in cui la notte lasciava posto al giorno, sfiorandolo appena come si sfiorano due amanti nel momento dell’ abbandono, in quell’attimo di pura magia chiamato ‘ alba’ "


Trama
Tea è una studentessa-lavoratrice prossima alla laurea, con le idee ben chiare su ciò che vuole, o almeno così sembrerebbe. Ancora non sa che la sua vita sta per essere travolta da una serie di avvenimenti e dall’incontro con due ragazzi che, in modi diversi, risveglieranno il suo lato più istintivo. Intanto il destino le offre un’occasione irripetibile: un viaggio Oltreoceano per completare la sua tesi sui relocation centers americani. La sua storia andrà ben presto a intrecciarsi a quella di una famiglia di nisei e al dramma da loro vissuto durante la Seconda Guerra Mondiale. Tea aggiungerà quindi ai propri un nuovo obiettivo, il più importante: trovare risposte a un dubbio durato decenni, cercando di non perdersi dentro un finale tutt’altro che scontato.




Un’antica leggenda giapponese narra come ognuno di noi sia indissolubilmente legato alla propria anima gemella da un invisibile filo rosso, annodato attorno al mignolo della mano sinistra. Molto spesso accade che a causa della lunghezza il filo si aggrovigli creando strani intrecci, ma ogni groviglio che verrà sciolto servirà per rafforzare quel legame profondo che lega le due anime per sempre


Recensione

"Non ti perdere" parla sia della storia di Tea, un'ex ballerina, che per una tesi, si ritroverà oltreoceano per completare la tesi; ma è anche la storia di un evento storico che in pochissimi conoscono (io stessa ne sono venuta a conoscenza SOLO leggendo questo romanzo), ossia sui relocation centers americani; nella sua strada, comparirà Chris, un ragazzo che le farà da guida proprio sul campo dove preparerà la tesi. Le sue ricerche si concentrano sulla storia dei nisei e dei relocation centers, durante la Seconda guerra mondiale. I nisei erano cittadini americani, di origine giapponese, che “per la sicurezza nazionale”, dopo l’attacco di Pearl Harbor, vennero deportati lontano dalle loro case, in centri appositamente costruiti per accoglierli. La loro vita venne stravolta senza una reale motivazione.



Nonostante questi centri non avessero nulla a che vedere con i campi di concentramento, nonostante gli americani non usassero la violenza nei loro confronti, si trattò comunque di una deportazione di massa.

Nel corso di questa esperienza, Tea affronterà anche problemi sentimentali che si intrecceranno con le sue ricerche e avranno un ruolo fondamentale.

Non dirò altro per evitare troppi spoiler, ma ammetto che a volte Tea è veramente troppo concentrata su se stessa, così tanto che avrei voluto prenderla a sberle, se solo fosse stata reale, ma visto che non lo è, mi accontento di farlo mentalmente. 
Ho adorato soprattutto la parte relativa ai nisei, anche se ammetto, avrei preferito un approfondimento più lungo, su quest'argomento; per il resto la storia è stupenda, una volta iniziato non ti fermo fino alla fine. I colpi di scena sono tanti, anche se uno in particolare per me era FIN TROPPO SCONTATO, ma non vi dirò qual è perché dovrete scoprirlo da soli leggendo questa storia; mi fermo qui e spero di avervi incuriosito abbastanza da voler comprare il libro e leggere questa storia diversa dalle solite.


La mia valutazione







Un’antica leggenda giapponese narra come ognuno di noi sia

indissolubilmente legato alla propria anima gemella da un invisibile filo
rosso, annodato intorno al mignolo della mano sinistra.
Il suo scopo è quello di tenere unite due persone destinate a
incontrarsi e a stare insieme per sempre e, per farlo, deve essere molto
lungo e soprattutto indistruttibile.
Molto spesso accade che proprio a causa della sua lunghezza il filo
si aggrovigli creando strani intrecci, impedendo alle due anime di
ricongiungersi facilmente. Ma proprio qui viene il bello: contrariamente
a ciò che potrebbe sembrare a un primo sguardo, ogni groviglio che
verrà sciolto sarà il superamento di un ostacolo e servirà per rafforzare
quel legame profondo che lega le due anime per sempre.
E voi avete già incontrato la persona alla quale siete legati dal filo

rosso del destino?

venerdì 8 novembre 2019

EVENTO:UN REGALO SOTTO L'ALBERO

Buongiorno e bentornati sul blog con una nuova iniziativa, visto che si sta avvicinando il Natale, organizzata da Emy Rose che gestisce il blog: sognareleggiesogna




Si avvicina Natale ed ecco che per voi scrittrici e scrittori abbiamo ideato un evento particolare per dare visibilità ad alcune vostre opere libresche che potrebbero diventare il regalo più prezioso da trovare sotto l’albero per ogni adorato, assiduo lettore, soprattutto ora che grazie ad Amazon si possono regalare gli ebook!
Tranquilli non vi chiediamo nulla di impossibile se non la vostra partecipazione aderendo attraverso questo Modulo che saranno volte a Segnalazioni approfondite e speciali adornate di un banner apposito e condivisi tra più Blog aderenti all’iniziativa.
Ti va di partecipare?
Compila il modulo ti contatteremo al più presto!
MODULO HTML: <iframe src="https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLScNmJBbpBfATDL7vOqMpilq69TGFdtJBNmysbSInb8tCsdRXQ/viewform?embedded=true" width="640" height="1378" frameborder="0" marginheight="0" marginwidth="0">Caricamento…</iframe>

Per le scrittrici, potete compilare il modulo, quanto a noi lettori/blogger, conosceremo parecchi libri, che magari durante l'anno ci sono sfuggiti! Che ve ne pare??? Luce <3

giovedì 7 novembre 2019

Caterina la Grande - miniserie tv (recensione)

Buongiorno e bentornati sul blog con la recensione di una mini-serie tv che è andata in onda su Sky Atlantic




Titolo originale: Catherine The Great
Titolo: Caterina la Grande
Paese: Regno Unito, Stati Uniti d'America
Anno: 2019
Formato: miniserie tv
Genere: drammatico, in costume
Puntate: 4
Durata: 240 min (totale)
Lingua originale: inglese



Informazioni
Caterina la Grande (Catherine the Great) è una miniserie televisiva anglo-americana del 2019 diretta da Philip Martin e sceneggiata da Nigel Williams.
È incentrata sulla vita dell'imperatrice Caterina II di Russia, conosciuta anche come Caterina la Grande e interpretata da Helen Mirren.


Trama
Caterina la Grande è una miniserie in quattro parti che scava nella corte politicamente e sessualmente tumultuosa della più potente monarca donna della storia. Caterina esercitò il potere supremo su tutta la Russia per quasi metà del XVIII secolo: forte, indipendente, di un’intelligenza sopraffina e sessualmente libera, è stata la definizione della donna moderna. La storia seguirà Caterina durante la fine del suo regno e la sua relazione appassionata con Grigory Potemkin, con il quale tra scandali, intrighi e grandi conflitti, visse un amore ossessivo. Impossibilitati a sposarsi pubblicamente ma notoriamente promiscui, i due sviluppano una relazione unica e devota, superando i loro avversari e plasmando insieme la Russia come la conosciamo oggi.

Recensione


Buongiorno a tutti, come state? Oggi vi parlo della miniserie Caterina la Grande, andata in onda su Sky Atlantic che è di solo 4 puntate e una stagione; premetto però che la storia di Caterina non la conosco, se non tramite questa miniserie, quindi non mi posso basare su libri e informazioni varie della realtà; sta di fatto che la serie parte DOPO il colpo di stato organizzato da Caterina stessa, per riuscire a impossessarsi del trono del defunto (o dovrei dire assassinato??) marito Pietro III di Russia; assistiamo così alla scalata al potere di Caterina, ma anche
alle sue vicende amorose, che se proprio volete saperlo, per me sono deplorevoli; mi spiego meglio: Caterina ha un figlio che diventa maggiorenne (a quei tempi con tutta probabilità 20 e NON 18 anni come ora), il che significa che se Paolo è maggiorenne, lei deve avere MINIMO 35 anni, peccato che l'attrice scelta per interpretarla, Helen Mirren, abbia 74 anni, e NELLA SERIE LI DIMOSTRA TUTTI! Almeno, abbiate la decenza di farle mettere una parrucca, INVECE NO! Dobbiamo vedere una Caterina che dovrebbe dimostrare 35 anni, o poco più, che invece ne dimostra 74 e passa; aggiungiamo poi che gli ostacoli affrontati durante il suo regno, come la sua voglia di cambiare le cose, compiendo le riforme e trasformare la società, come ho detto, sono messe in secondo piano, per dare spazio alla sua storia amorosa, durata decenni, con Grigory Potemkin, relazione peraltro a distanza a causa di conflitti, tentativi di ampliare i confini dell'impero e un destino alquanto avverso.
La sceneggiatura non da spazio adeguato alle idee di Caterina per anticipare i tempi, al suo essere stratega e al suo modo negativo di governare, che la porta in continuo conflitto con il figlio Paolo; ed ecco un altro tasto dolente: non si capisce perché ci sia quest'astio tra madre e figlio, non si riesce a capire se Paolo sa del padre, né se lei scoprirà che lo sa (perché per me lui lo sa benissimo).
Avrete capito che, ahimè, questa serie non mi ha convinta per niente, se devo confrontare Victoria e Caterina la Grande, scusate tante, ma preferisco la prima alla seconda! Caterina sarà anche stata una grande imperatrice russa, ma sta serie non ha fatto il suo dovere, tralasciando troppi particolari, che magari sarebbero stati utili. 
Mi fermo qui per evitare di dire qualcosa di troppo.. 


La mia valutazione



Alla prossima

Luce <3

mercoledì 6 novembre 2019

WWW...wednesday #85

 Salve a tutti ragazzi e ben arrivati a metà settimana; come di consueto, essendo oggi mercoledì, vi illustro le mie attuali letture, quelle finite e quelle da iniziare.
Il WWW Wednesday, è una rubrica settimanale ideata da MizB (Should be Reading . nata per far sapere a voi lettori le mie letture appena concluse, quelle attuali e le prossime!!



1. What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?


L'ho iniziato, ma, come sempre, è già in pausa, a causa di letture più urgenti!


Ecco cosa mi impedisce (per modo di dire :D ) di andare avanti con Fantasmi del Mercato delle Ombre; perché? perché partecipo al review party di questo libro e deve avere la precedenza!


Ho iniziato anche questo sul kindle, purtroppo per voi, in questo caso, la recensione sarà disponibile SOLO a gennaio!

2.What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?


La recensione è online da un paio di settimane; se l'avete persa la trovate QUI


Storia carinissima, libro cortino (recensione QUI)


L'autore mi ha chiesto la recensione e la storia è stupenda (recensione QUI)


La storia di una donna a cui cambia la vita (recensione QUI)


Capitolo conclusivo della saga Hyperversum, pieno di colpi di scena (recensione QUI)


Storia particolare (recensione QUI)


Storia di rinascita e riscatto (recensione QUI)


3. What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?



Giuro che appena finisco le letture a cui devo dare la precedenza e Fantasmi del Mercato delle Ombre (di cui avrete la recensione appena riesco a terminarlo), la leggo!


Ed eccoci alla fine dell'85esimo WWW! E voi cosa state leggendo? Cosa avete finito e cosa leggerete?


Alla prossima


Luce <3

martedì 5 novembre 2019

[Review Party ] recensione "Sorry", Lee Ann Keats



Buongiorno, oggi vi propongo la recensione del romanzo "Sorry", di Lee Ann Keats, visto che partecipo al Review Party



Titolo: Sorry
Autrice: Lee Ann Keats
Editore: Queen Edizioni
Genere: Romanzo contemporaneo
Uscita: 05 Novembre 2019
Formato: ebook - cartaceo
Prezzo: € 2,99 (Prezzo lancio 0,99) - € 9,90
Pagine: 300

Link d'acquisto: QUI






Quel cuore che per tanti anni aveva martellato così disperatamente dentro il mio petto era giunto stanco e infiacchito, voleva smettere di percuotere, voleva cessare quella sua frenetica corsa.


Trama
L’avvincente romanzo di Lee Ann Keats è la storia di una ragazza apparentemente qualsiasi, che tuttavia dovrà fronteggiare, con una personalità inaspettatamente forte e tutt'altro che scontata, le innumerevoli avversità che per lei ha in serbo la vita.
Tiffany Hayes ha un “sacchetto rosso dei ricordi” in cui man mano ripone gli oggetti che segnano in qualche modo la sua vita, un elemento che, insieme alle splendide citazioni tratte da alcune opere di Virginia Woolf, fa da filo conduttore a questa storia intensa e indimenticabile, che indaga la crescita di una protagonista dalla personalità inaspettatamente forte e tutt'altro che scontata. Le vicende si svolgono in un’incantevole scenario sul Tamigi: a Canvey Island prima e poi a Londra, tra vicissitudini famigliari e un grande amore segretamente custodito che potrebbe sbocciare in qualcosa di inaspettato e meraviglioso.

La mamma e il papà mi consideravano una stupida, sotto tutti i punti di vista. Per loro non valevo nulla. Ero semplicemente "Tif". Odiavo quando mi chiamavano così! Il mio vero nome è Tiffany, ma nessuno lo pronunciava per intero. Nessuno esplorava le mie vere sensazioni. Era come avere le ali e non poterle usare. Era come rimanere ormeggiati in un porto dove non attraccava nessuno.

Recensione

Buongiorno e bentornati sul blog con il Review Party di "Sorry", di Lee Ann Keats; questa non è una storia come le altre, perché Tiffany, Tif per tutti (o quasi), non è una ragazza qualunque; lei  una ragazza che deve lottare ogni giorno contro una madre che, senza apparente motivo, la odia con tutta l'anima; voi direte: impossibile, le madri AMANO i loro figli! E infatti ciò che dite voi lo pensano anche gli altri; ma Tif sa quel che dice, sa di avere ragione; scoprirete leggendo il romanzo il perché di questo odio materno.
Come ho detto prima, non tutti chiamano Tif la nostra protagonista femminile; c'è qualcuno, più precisamente il protagonista maschile, Beau, che la chiama per intero. Quello tra loro due è un amore dolce, il primo per Tiffany in tutto e per tutto; Beau non la calcolava, finché un giorno non comincia a baciarla, a starle vicino, e lei, giustamente, gli chiede il perché; la riposta di Beau? Perché non sei più una bambina; e così scopriamo che come lei, anche lui la amava da lontano; i due si amano fino allo sfinimento; ma pian piano, la gelosia prende il sopravvento su Beau, gelosia nei confronti del migliore amico di Tif, George e solo perché le sta parecchio vicino. Così, quando lei non risponde alla fatidica domanda e si scopre che è incinta, comincia una battaglia legale, una battaglia destinata a concludersi in soli due modi: o negativamente, o con la custodia congiunta. Non vi dirò altro perché sto già scrivendo troppo, come ho detto dovrete leggere questo libro per scoprire cos'altro riserva la vita alla nostra protagonista. Di certo Leen Ann ha creato una storia molto diversa dalle solite, una storia che ti trascina, di cui non riuscirete a non leggere ogni singolo capitolo!


La mia valutazione


Alla prossima

Luce <3



Conoscevo Beau da tanto tempo, ma non ero mai stata da sola con lui. Non avevo mai notato quello sguardo freddo e distante. I suoi occhi verdi sembravano schegge che stavano infuocando il cielo. Erano folgorii impetuosi e improvvisi.