venerdì 30 novembre 2018

Recensione serie "I Re di Norvegia", Linnea Hartsuyker

Autrice: Linnea Hartsuyker
Titolo: La regina del mare (Re di Norvegia #2)
Prezzo: cartaceo 15,30 e-book 9,99

Link d'acquisto: QUI


Serie "I Re di Norvegia":
1)Viking - le ossa di Ardal
2)Viking - la regina del mare


Il sogno di una Norvegia unita sotto re Harald è ancora lontano. Svanhild, costretta a nuove scelte, lotta per rimanere padrona del proprio destino.



Trama

Sette anni dopo la battaglia di Vestfold l'impresa di Harald, deciso a unire la Norvegia sotto il proprio regno, prosegue malgrado i contrasti con l'alleato Hakon e l'opposizione dei re dissidenti, rifugiatisi nella "libera" Islanda e pronti addirittura a un'alleanza col re di Svezia. Mentre Ragnvald, braccio destro di Harald, si scopre stanco di guerra e di violenza e vorrebbe solo dedicarsi alle proprie terre, Svanhild dovrà cercare nuove strade per restare padrona del proprio destino. Consolidato il quadro politico e diplomatico della vicenda storica alla quale si ispira, Hartsuyker si concentra ora sui personaggi, sulle loro fragilità e i loro punti di forza, e porta al centro della scena Svanhild e il suo insaziabile desiderio di libertà.




Recensione

Buonasera e bentoranati con la recensione del secondo volume della serie "I Re di Norvegia"; sono passati sette anni dalle narrazioni del primo volume; Ragnvald è ancora un sostenitore di re Harald; dall'altra parte c'è sua sorella Svanhild, in giro per i mari con il marito Solvi. Non lasciatevi ingannare dal titolo: La regina del mare, eh sì, certo, Svanhild E' LA REGINA DEL MARE, ma se credete di sentir parlare solo di lei, sappiate che non è così; ogni capitolo riguarda sia Svanhild, sia suo fratello Ragnvald, che deve affrontare pericoli e tradimenti, da chi non se lo aspetterebbe mai. Svanhild invece, deve affrontare un dolore troppo grande persino per una madre, ma non vi dirò quale, altrimenti spoilero troppo.
Un po' del fascino del primo libro si perde, questo sì, ma la narrazione è scorrevole e veloce, ti cattura dall'inizio alla fine, così com'è successo nel volume precedente; Ragnvald ha quel fascino che ti porta a chiederti cosa succederà a lui e al resto dei suoi famigliari, e quindi a sperare in un seguito in cui magari vengono descritte le avventure dei suoi figli; Solvi è sempre il solito: apparentemente disinteressato di ciò che succede alla famiglia, ma poi si scopre che non è così e ciò che gli fa Svanhild, di certo non lo rende felice, non del tutto, ma si sa, ti comporti da stronzo, la moglie poi scappa! 
Le vendette sono sempre in atto, soprattutto per chi ha subito danni; 
Le scene d'azione sono tante, vi ritroverete a odiare qualche personaggio, ad amarne altri, come del resto succede spesso in ciò che si legge. Ho troppa paura di dirvi troppo, quindi credo mi fermerò qui, aggiungendo però, che secondo me, uno dei personaggi non viene descritto come si deve e questo personaggio è proprio Re Harald; non ho idea del perché l'autrice continui a descriverlo diversamente da come dovrebbe, ma la scelta è sua...
I piani sono ben congegnati, ma a volte saltano; quello finale di Ragnvald secondo me è un suicidio, ma forse no...
Sta volta mi zittisco sul serio!


La mia valutazione
5

























giovedì 29 novembre 2018

Segnalazione "Ciò che non viviamo", Maria Capasso

Buongiorno e bentornati con una nuova segnalazione; pronti a scoprire di quale libro si tratta questa volta?


Autrice: Maria Capasso
Titolo: Ciò che non viviamo
Casa Editrice: Un cuore per capello
Genere: Introspettivo, romantico.
Pagine: 64
Formato: ebook e cartaceo. 
















Sinossi:


Dove finisce ciò che non viviamo e i sentimenti repressi?
Da nessuna parte, restano dentro di noi ad ammuffire. 
Viola e Micol hanno finto di non accorgersi che la loro non era un’amicizia, ma qualcosa di molto più profondo, vivendo nell’ombra di un sentimento mai rivelato. 
 Avranno un epilogo felice oppure incerto?






Autrice:

Mi chiamo Maria. Sono nata a Napoli, e vivo in provincia. Classe 1992. Da piccola ho coltivato la passione per la lettura. Tutto ebbe inizio a nove anni con la fabbrica del cioccolato. Un buon inizio, no? Crescendo ho coltivato passioni come la scrittura e approfondimenti su diversi tipologie di letteratura, e biografie su miei scrittori preferiti. Leggere e scrivere per me è necessario come la colazione al mattino: indispensabile! Nutro una forte passione per il cinema e la musica (soprattutto le colonne sonore). Ho frequentato l’Istituto di scienze umane e lavoro nell’azienda di famiglia. Ho iniziato a scrivere per distaccarmi dalla realtà, fin da bambina. Ho collaborato col blog di Leggere a colori scrivendo racconti brevi e recensendo libri. Ho pubblicato con: Les Flâneurs Edizioni: Nulla si dissolve (solo e-book). Edizioni Pink: Un giorno di primavera (solo e-book). Due racconti con Historica Edizioni: Ricordo autunnale e Lettera a mia figlia. Ho pubblicato con Collana floreale: Cinque minuti a mezzanotte. Ho pubblicato con Un cuore per capello: Sere d’autunno a Firenze, Dove cadono le emozioni, Dove sarà tutta questa felicità?, e, a breve, uscirà la novella Ciò che non viviamo. Ho collaborato con Logokrisia con racconti su tematiche femminile. Ho pubblicato con Edizioni Ensemble: Album di famiglia. Sto per pubblicare con la Butterfly Edizioni: Tra le pagine di un sogno. Ho un blog L’Angolo delle parole e un profilo facebook L’Angolo delle parole che seguo in base agli impegni, dove promuovo e recensisco autori emergenti e non. Recensisco per il Pink Magazine. Attualmente sto frequentando un corso per ampliare i miei orizzonti sull’editoria. Sono risultata finalista al premio Circolo Culturale - Giovanni Brassotti Ziello e sono stata scelta come membro di giura alla nuova edizione del concorso. Amo i musei e le città nostalgiche che profumano di pioggia. Segni particolari: sono perdutamente innamorata di John Keats.




Sembra interessante, a quante è venuta voglia di leggere questa novella?
Alla prossima

Luce <3

mercoledì 28 novembre 2018

WWW...wednesday #54

Salve a tutti ragazzi e ben arrivati a metà settimana; come di consueto, essendo oggi mercoledì, vi illustro le mie attuali letture, quelle finite e quelle da iniziare.
Il WWW Wednesday, è una rubrica settimanale ideata da MizB (Should be Reading . nata per far sapere a voi lettori le mie letture appena concluse, quelle attuali e le prossime!!


1. What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?




Lunedì ho iniziato questo, seguito del primo, di cui già trovate la recensione, vi farò sapere!

2.What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?


La settimana scorsa ho finito anche quello che, al momento, è l'ultimo capitolo sulla scapestrata Alice Allevi (recensione QUI)


Non so come ho fatto, ma l'ho finito.. mercoledì scorso avevo detto che avrei continuato la serie, ma non è cosi.. recensione QUI





Esatto, la settimana scorsa ho concluso anche il quarto capitolo della Fallen Crest, che però ho trovato un po' noiosetto rispetto ai precedenti.. recensione QUI



Iniziato qualche settimana, fa, a differenza di chi ci ha messo un giorno, io ce ne ho messi due in più; l'ho finito ieri,  vuoi perché dovevo lavorare, vuoi per altri impegni, ma almeno mi sono divertita! (recensione QUI)

3. What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?




Appena finirò i libri che sto leggendo, inizierò il manga di Rossana, voi l'avete letto? Pareri?


Ed eccoci alla fine del 54esimo WWW! E voi cosa state leggendo? Cosa avete finito e cosa leggerete?


Alla prossima

Luce <3

martedì 27 novembre 2018

Recensione "Vuoi conoscere un casino?", Alex Astrid

Autrice: Alex Astrid
Titolo: Vuoi conoscere un casino?
Prezzo: cartaceo 14,45 e-book 2,99

Link d'acquisto: QUI







Ho iniziato a piangere quasi senza accorgermene, gocce delicate sul viso, che si sono mescolate alla pioggia, dolce e salato. Un dito sulla guancia. Mi sentivo stupida. Avevo sete, tanta sete. Ho alzato la testa per assaggiare la pioggia. Pioggia, lacrime, pioggia. Che differenza c’è? Riccardo è a casa adesso? A casa di chi? Sua? Non penso.


Trama

Un po' "Il giovane Holden" e un po' "I ragazzi del muretto": "Vuoi conoscere un casino?" è un affresco potente del mondo dei giovani di oggi che vivono alla periferia di una grande città. È la storia di una metamorfosi, di un viaggio. Il viaggio che ogni ragazzo deve affrontare per diventare grande. Età di lettura: da 12 anni.


Non sei mai stata il mio solo punto di riferimento, anche Giulia, Matteo, Silvia, Luna sono importanti, hanno il loro peso. Però loro non sono te. non hanno la tua esperienza, la tua audacia, il tuo coraggio, la tua fermezza, la tua immensa forza di volontà.



Recensione

Buongiorno a tutti; innanzitutto ringrazio la mia Parabatai per avermi inviato la copia del suo romanzo e per la dedica che è stupenda; non sapete cosa leggere? Avete voglia di un libro leggero, che vi faccia ridere e piangere, che vada bene sia sotto l'ombrellone (magari NON adesso) o davanti al camino? (in questo caso ADESSO sarebbe perfetto); allora mi sa che Vuoi conoscere un casino? fa per voi!
Dopo sto sproliloquio, vediamo di venire al succo del discorso :D
Giorgia è un'adolescente come lo siamo  state (o siamo, scusate io quella soglia l'ho superata da un po'..) tutte, un'adolescente a cui capita una cosa che non dovrebbe capitare mai a nessuno, ma a volte la vita (o il destino, dipende da come lo si chiami) è una gran BASTARDA, e così è nei confronti della povera Giorgia, Giò per gli amici, quando la morte le porta via il suo punto di riferimento, la sua ancora di salvezza, colei che l'ha sempre ascoltata, sostenuta, senza mai lamentarsene: la cugina Martina; ed è così che, nella sua assenza, Martina diventa un diario, su cui Giorgia sfoga la sua rabbia, in cui racconta la sua vita, il che mi fa pensare a una certa Kitty; io Martina la vedo proprio come la Kitty di Anna Frank. O sbaglio? Giorno dopo giorno, con qualche salto, scopriamo sempre più la vita della protagonista, l'essere sostenuta dagli amici, dopo la morte di Martina, scopriamo la sua voglia di giocare a pallavolo, che a volte però la fa incazzare, visto che la cugina non c'è più, ma soprattutto, scopriamo una Giorgia che comincia a innamorarsi di Riccardo, un ragazzo biondo (ed è proprio dal colore di capelli che viene il suo soprannome: Rubio, soprannome con cui ne sentiremo parlare dall'inizio alla fine, visto che il nome Riccardo in confronto a Rubio, compare veramente poco). Rubio diventa il centro del mondo di Giorgia, la sua droga, il suo bisogno costante di respirare, tanto da litigare brutalmente con la famiglia, che cerca di farla ragionare, ma si sa, il primo amore è quello che ti si insinua dentro, quello che non si potrà scordare mai, manco volendolo. 
E poi... Giorgia scopre un lato del suo amato Rubio che non avrebbe mai voluto vedere, un lato da ragazzo stronzo, che la allontana, per poi rivolerla vicino; ormai del ragazzo che la faceva ridere è rimasto poco, forse nulla e al suo posto si è materiallizato uno STRONZO PATENTATO.
Ci sono gli amici su cui fare affidamento, amici che forse avevano anche bisogno del suo aiuto e lo scoprirà più avanti, forse un po' tardi, ma quando l'amore arriva, poche volte riusciamo a vedere che gli altri hanno bisogno di noi, e così è anche per Giorgia; per fortuna però, pian piano, stando lontano da Riccardo, Giorgia torna ad essere felice, riesce anche a non piangere più per la cugina. 
Vuoi conoscere un casino, è anche una raccolta di lettere indirizzate a chi non c'è più, e chi di noi non vorrebbe fare la stessa cosa? Poter scrivere, pur sapendo che non lo leggeranno mai, ciò che pensiamo, a chi non c'è più? Il nostro dolore per la loro scomparsa, il volerli di nuovo accanto a noi... 
Non dirò altro, mi sembra di avervi scritto a sufficienza, senza spoilerare troppo; Alex Astrid è una scrittrice giovane, una blogger come lo sono io; è una scrittrice che sa arrivare al cuore delle lettrici; e io ho la netta sensazione, che il suo romanzo, sia sì, un romanzo di fantasia, ma in cui, forse (è solo una mia supposizione, per niente sicura!) Alex ha lasciato un pezzetto della sua storia.
Consiglio vivamente a tutti di leggerlo, preparate i fazzoletti, perché vi serviranno; urlerete e piangerete per Giò, come è appena successo a me.





La mia valutazione

5



Alla prossima
Luce <3





Nessuna vuole il cavaliere perfetto, noi cerchiamo l'eroe imperfetto; rimaniamo ammaliate non dai pregi, ma da chi, senza rendersene conto, ci mostra i suoi difetti


domenica 25 novembre 2018

Recensione serie "Fallen Crest"; Tijian

Autrice: Tijian
Titolo: Finalmente vicini (Fallen Crest #4)
Prezzo: cartaceo 14,96 e-book 6,99

Link d'acquisto: QUI

Serie Fallen Crest:
0.5 Mason
1. Finalmente noi
2. Finalmente ci sei
3. Finalmente con te
4. Finalmente vicini
5. Fallen Crest University
5.25 Fallen Crest Christmas
5.5 Logan Kade 
6.Untitled
7.Untitled
7.25 Fallen Crest Novella
7.5 Fallen Crest Novella


Tutte le strade portavano a Mason. Lui era la mia vita, il mio respiro, il mio cuore.


Trama

Entrare a far parte della famiglia Kade per Sam ha segnato l'inizio di una nuova vita. Le è bastato scontrarsi con i penetranti occhi verdi di Mason per capire che era la persona giusta per lei. Finora Mason è riuscito a proteggerla dalle invidie e dalle gelosie di chi fin dall'inizio ha osteggiato la loro relazione. A offrirle il calore delle sue braccia e ad abbattere il muro di diffidenza dietro a cui Sam si nasconde fin troppo spesso conquistandosi la sua fiducia, un passo alla volta. Ma adesso questa fiducia, ancora troppo fragile, rischia di spezzarsi. Mason è partito per il college e Sam teme di non essere in grado di gestire una relazione a distanza. Senza di lui, senza la sicurezza e il coraggio che riesce a infonderle con la sua presenza, ha paura di non poter affrontare gli ostacoli che sicuramente arriveranno a complicare la situazione. E poi c'è qualcuno che vuole approfittare di questo momento difficile per mettere Sam alle strette e rendere pubblico un segreto. Un segreto che rischierebbe di minare alle fondamenta il suo rapporto con Mason, distruggendo tutto quello che hanno costruito insieme. Ma Sam non può permetterlo. Non dopo aver lottato con tenacia e avercela messa tutta per arrivare là dov'è ora. Perché il suo cuore ha già deciso tutto: c'è spazio per una persona sola e quella persona è Mason, il cattivo ragazzo che non si cura di nessuno ed è capace di regalare tutto l'amore che una ragazza possa mai desiderare.



Recensione


Buonasera a tutti; anche il quarto volume di questa serie è giunto fino a noi. Vedetelo come una sorta di ponte per i prossimi che usciranno; la storia riparte dove avevamo lasciato la precedente, ossai Logan e Sam alla Fallen Crest, Mason al college.
Sam però è logorata dal dubbio che le ha lasciato Tate nel volume precedente e questo dubbio si protrarrà fino alla conclusione, quando Mason e Logan lo scopriranno; inutile dire che la cosa crea qualche tensione fra i tre, e che come sempre ci sono nuovi personaggi e NUOVI PROBLEMI.
Il romanzo ci fa entrare nelle vite per lo più separate di Mason e Sam; ammetto che alcuni dettagli li ho trovati inutili, ma si sa, per portare avanti una serie bisognerà inventarsi qualche cosa di noioso, no?
Tate, sempre lei, sempre in mezzo a rompere i coglioni; in più aggiungiamo pure Marissa che non fa altro che correre dietro a Mason dalle superiori; Marissa: UNA RAGAZZINA SCASSAMARONI, CHE NON SA STARE DA SOLA, CHE CREA PARECCHI PROBLEMI, ecco chi è...
Mason oltre a tutto questo e al segreto che Sam si porta dietro dall'estate, deve anche affrontare il suo migliore amico (che per un po' rischia di essere ex-migliore amico), e quelli della confraternita.
Non voglio dire altro per non spoilerare troppo, a questo punto spero che le cose nel prossimo romanzo vadano meglio, perché non ne posso più di problemi a destra e a sinistra. La valutazione non è al massimo come le altre volte, proprio perché ci sono parti inutili che poteva anche risparmiarsi...




La mia valutazione
4/5

Alla prossima
Luce <3

sabato 24 novembre 2018

Recensione serie "L'amica Geniale", Elena Ferrante

Autrice: Elena Ferrante
Titolo:  L'amica geniale (amica geniale #1)
Prezzo: cartaceo 15,30 e-book 1,99

Link d'acquisto: QUI



Serie L'amica Geniale:
1)L'amica geniale
2)Storia del nuovo cognome
3)Storia di chi fugge e di chi resta
4)Storia della bambina perduta





“Se non c’è amore, non solo inaridisce la vita delle persone, ma anche quella delle città.” 


Trama

L'amica geniale è un romanzo italiano di Elena Ferrante, pubblicato nel 2007. È il primo volume di un ciclo del quale sono usciti altri tre libri: Storia del nuovo cognome (2012), Storia di chi fugge e di chi resta (2013), Storia della bambina perduta (2014).
Il primo volume, diviso in due parti, "Infanzia" e "Adolescenza", è dedicato alla storia di due bambine, Elena (Lenù) e Raffaella (Lila), di un quartiere di Napoli. Entrambe molto intelligenti, insofferenti delle rigide regole di comportamento del "rione" dove abitano, negli anni dell'infanzia si legano di un'amicizia stretta; con la fine della scuola elementare, però, le loro vite si separano, perché per ragioni economiche il padre di Lila, calzolaio, non può farle proseguire gli studi; il padre di Lenù, usciere comunale, riesce invece a permettere alla figlia di continuare alla media, poi al ginnasio. I percorsi delle due ragazzine continuano però ad intrecciarsi, ancor più quando intervengono le prime complicazioni sentimentali. L'ultima pagina narra il matrimonio di Lila.
Il libro si apre con le poche pagine del prologo ("Cancellare le tracce"), che con forte prolessi narrativa presenta un adulto, figlio di Lila, che chiede invano aiuto a Lenù per ritrovare la madre.
La narrazione è condotta in prima persona da Elena; attraverso il suo sguardo si scopre una folla di personaggi, una quantità di ambienti e di usanze, di una Napoli che dalle difficoltà del dopoguerra si apre progressivamente a un modesto benessere, incoraggiato o minacciato dalla presenza della malavita.

“E' stato il Diavolo a inventarsi il mondo, non il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.” 


Recensione
Lo ammetto, ho scansato per mesi, forse anni, sta serie; e ho fatto bene... Peccato che adesso abbia letto il primo volume (non ho nessuna intenzione di leggere i seguenti); perché non ho intenzione di leggerli? Perché mi sono annoiata a morte, ecco perché; per carità, descrizioni belle, l'amicizia tra Elena, conosciuta anche come Lenù, e Raffaella, Lila, è solida, di quelle che ti fanno fare pazzie sempre e comunque; Elena è quella "geniale" per l'appunto, perché studia dalle elementari fino al ginnasio; Lila invece si ferma alle medie, per lavorare con il padre. Ma non è questo il problema..  Sullo sfondo c'è la Napoli degli anni 50, una Napoli che ha subito la guerra; nel "rione", il posto dove abitano le due protagonsite, vigono regole molto strette sul comportamento che non vanno bene nè a Lenù nè a Lila.
L'autrice scava intanto nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati... 
Francamente non mi ha preso così tanto sto libro.. Mi è sembrato troppo lento, la descrizione noiosa... Oltretutto a pensarci bene, Lenù (o Elena, chiamatela come vi pare), mi pare TROPPO attaccata a Lila, come se le due fossero un'unica persona... Non mi è rimasta la voglia necessaria per scoprire cos'altro ci riserva la voce narrante di Elena; sono così senza parole che non so più cosa dirvi...



La mia valutazione
3/5


Alla prossima
Luce <3

“Tu sei la mia amica geniale, devi diventare la più brava di tutti, maschi e femmine.” 


venerdì 23 novembre 2018

5 cose che... #38 - 5 serie tv che sto seguendo o che ho appena concluso

Buongiorno e bentornati con la rubrica 5 cose che,  Rubrica a cadenza settimanale ideata dal blog Twins Books Lovers con protagonisti i libri (ma non solo...)




L'argomento di oggi è 5 serie tv che sto seguendo o che ho appena concluso






1) Riverdale, sono a metà della seconda stagione, mi sta piacendo parecchio!











2) The Originals; sto per concludere la seconda stagione, anche in questo caso adrenalina a 2000!






3) seconda stagione anche di questa, di cui trovate le recensioni dei romanzi sul blog e anche della serie tv; inutile dire che Alice mi fa ammattire (in senso buono!)








4) Indovinate un po'?? Esatto, seconda stagione anche per lo spin-off di Grey's Anatomy.. A volte angosciante ma stupendo!








5) e per concludere Grey's Anantomy con la 15esima stagione! Siamo ai limiti dell'assurdo, ma si guarda comunque!





E voi quali serie tv state guardando o avete concluso?


Alla prossima

Luce <3

giovedì 22 novembre 2018

Recensione serie "Alice Allevi"; Alessia Gazzola

Autrice: Alessia Gazzola
Titolo: Il ladro gentiluomo (Alice Allevi #7)
Prezzo: cartaceo 15,81 e-book 9,99


Link d'acquisto: QUI


Serie Alice Allevi
0,5)Sindrome da cuore in sospeso
1)L'Allieva
2)Un segreto non è per sempre
2,5)Un regalo inatteso
3)Le ossa della principessa
4)Una lunga estate crudele
5)Un po' di follie in primavera
6)Arabesque
7)Il ladro gentiluomo



Caro destino, è inutile che mi metti alla prova. Non ci casco, non mi cambierai.

Trama

Alice Allevi, finalmente specialista in Medicina legale, ha dovuto affrontare scelte difficili sia sul piano professionale che su quello sentimentale. Dopo un lungo e burrascoso corteggiamento, sembrava che tra lei e Claudio Conforti, l'affascinante e imprevedibile medico legale con il quale ha condiviso ogni disavventura dai tempi della specializzazione, fosse nato qualcosa. Per un attimo, Alice ha creduto finalmente di aver raggiunto un periodo di serenità, almeno al di fuori dell'Istituto di Medicina legale. Ma in un momento di smarrimento sentimentale chiede un trasferimento. E lo ottiene: a Domodossola. Per sua fortuna, o suo malgrado, Alice non avrà molto tempo per indugiare sul proprio destino, perché subito un nuovo caso la travolge. Durante quella che credeva essere un'autopsia di routine, Alice ritrova un diamante nello stomaco del cadavere. Una pietra di notevole caratura e valore, ma anche una prova materiale importante per il caso. Per questo, Alice si premura di convocare un ufficiale giudiziario a cui consegnarlo in custodia. L'ufficiale che si presenta da lei è un uomo distinto ed elegante, dai modi cortesi ed impeccabili, e Alice non esita ad affidargli il diamante. Ed è a quel punto che il fantomatico ufficiale sparisce nel nulla e i guai per Alice iniziano a farsi enormi...



C'è della magia nel primo fiore dell'inverno, c'è da imparare dalla sua coraggiosa delicatezza e dalla sua capacità di resistere a questo freddo che spezza le ossa.






Recensione

Ebbene sì, Alice Allevi è tornata! Finalmente è diventata specialista, questa volta dovrà cavarsela da sola; Alice è a un punto di svolta per quel che riguarda la sua vita sentimentale con CC (Claudio Conforti, in caso non ve lo ricordaste), visto che proprio lui ha deciso di rimettersi in gioco con Alice, chiedendole di andare a vivere insieme. Ma per chi ha letto i precedenti volumi (e chi non l'ha fatto, pregasi recuperare i precedenti alla svelta, e non leggere alcunché visto che c'è un altissimo rischio SPOILER, essendo tutto collegato alle vicende precedenti :D ), la relazione potrebbe andare bene come male, e Alice ormai lo sa; come presa da un alieno decide pure di fare richiesta di trasferimento e da lì, Domodossola, dove la manda la Wally (povera Valeria dico io, ancora sto soprannome le devono dare?? :P ) si apre tutta la storia.
A Domodossola Alice, convinta di stare facendo una delle solite autopsie, trova nel cadavere una pietra, che si rivelerà essere un diamante... E indovinate un po'? Quando arriva un tizio a reclamare ciò che è stato trovato, tra l'altro usando un nome alquanto ASSURDO (ma Alice ci casca in pieno, credendo che Alessandro Manzoni, sia reale.. e te pareva che non combinasse qualche casino?? Ma non sarebbe lei se non l'avesse fatto, ormai si sa!), lei che fa? Glielo da, convintissima che fosse uno della polizia venuto a controllarlo (peccato che il vero uomo a cui doveva dare la pietra fosse arrivato quando lei era già uscita :D ) e lui sparisce! Ebbene sì, adesso la nostra Alice è nei guai fino al collo, ma nel cercare sta benedetta pietra saltano fuori le cose più strambe e naturalmente a mettere il suo nasino nel casino in questione c'è sempre lei, Alice; non riusciva a stare fuori dalle indagini a Roma, secondo voi ci riesce adesso che è Medico Legale?? No, quel lato di lei è sempre uguale.
Come se non bastasse, la sua vita amorosa ha una svolta positiva, che poi si tramuta in un inferno a causa dell'incidente che le capiterà; e naturalmente CC non c'è e quando c'è E' ORMAI TROPPO TARDI.. Almeno per quel che riguarda ciò che le è successo; questo è il romanzo di Alice e Claudio. La loro storia finisce anche sopra la parte di giallo che vi assicuro, non manca mai! ed è sempre ben costruita e intricata quel tanto che basta per farci ammattire. In preda a scossoni, alti e bassi, parole finalmente dette, i due dovranno confrontarsi e affrontare la prova più difficile di tutte per una coppia, perchè, come ben si sa: "...accadono cose che ci cambiano al punto tale che indietro non si può più tornare..." e noi, amanti di questa coppia da quando la conosciamo, non possiamo fare altro che tifare per loro fino alla fine, comunque vada.
La Gazzola è riuscita per l'ennesima volta, a stravolgermi con questa avventura di Alice; so che per ora la metterà da parte, ma spero vivamente non passi troppo tempo, perché dubito di poter fare a meno di Alice e Claudio, come non potrete farne a meno voi!


La mia valutazione
5

Alla prossima
Luce <3


Le circostanze rivelano sempre
di che stoffa è fatto un uomo.
Wilkie Collins, La pietra di luna













mercoledì 21 novembre 2018

WWW... wednesday #53

Salve a tutti ragazzi e ben arrivati a metà settimana; come di consueto, essendo oggi mercoledì, vi illustro le mie attuali letture, quelle finite e quelle da iniziare.
Il WWW Wednesday, è una rubrica settimanale ideata da MizB (Should be Reading . nata per far sapere a voi lettori le mie letture appena concluse, quelle attuali e le prossime!!


1. What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?



Sono a metà, non so quanto ci metterò a concluderlo sinceramente...

2.What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?



Come detto, l'ho finito in un giorno (recensione QUI)



Finalmente ho concluso questa serie che mi portavo dietro da un po'; parecchio emozionante! (recensione QUI)



Questo l'ho finito ieri e trovate già la recensione, pubblicata ieri (QUI per sapere cosa ne penso)



L'ho quasi finito, domani trovate la recensione!

3. What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?



Appena finisco L'amica geniale, leggo il seguito; avete letto la serie?


Ed eccoci alla fine del 53esimo WWW! E voi cosa state leggendo? Cosa avete finito e cosa leggerete?


Alla prossima