martedì 27 agosto 2019

Merlin - serie tv (recensione)

Buongiorno mondo blogger! Ormai sapete che per le serie tv (soprattutto quelle datate) sono una RITARDATARIA CRONICA! Perché ve lo sto facendo notare, secondo voi? Ma ovviamente perché oggi vi parlerò dell'ennesima serie già belle che conclusa e che io sto recuperando SOLO ORA!




Titolo: Merlin
Paese: Regno Unito
Anno: 2008-2012
Formato: serie tv
Genere: fantastico, drammatico
Stagioni: 5
Episodi: 65
Durata: 45 min (episodio)
Lingua originale: inglese






Informazioni
Merlin è una serie televisiva inglese prodotta dalla società indipendente Shine Limited di Elisabeth Murdoch, trasmessa da BBC One dal 20 settembre 2008 al 24 dicembre 2012.
La serie racconta le avventure del mago Merlino e di Artù Pendragon in età giovanile, descrivendo il loro primo incontro e l'evoluzione del loro rapporto.
Visto il successo della serie in Gran Bretagna, ben 112 paesi ne hanno acquistato i diritti per la messa in onda, tra cui gli Stati Uniti sul network NBC, la Germania sulla rete RTL, la Francia su Canal Plus, il Sudafrica su Mnet, il Giappone su MICO e anche l'Italia, che ha trasmesso la serie dal 15 dicembre 2008 al 30 aprile 2014 su Italia 1 (st. 1-5)
La serie è stata girata tra il Galles e il Castello di Pierrefonds in Francia.
Il 26 novembre 2012 la BBC ha confermato, con un annuncio pubblicato a mezzanotte, che la quinta stagione sarebbe stata l'ultima e che sarebbe finita con una "spettacolare conclusione". Lo speciale finale in due parti vede la rivisitazione del finale delle leggende arturiane.

«In a land of myth, at the time of magic, the destiny of a great kingdom rests on the shoulders of a young boy.[3]His name: Merlin.»
(IT)
«In una terra di miti, in un'era di magia, il destino di un grande regno poggia sulle spalle di un giovane. Il suo nome: Merlino.»





Trama
Camelot era abitata da maghidraghi e altre creature mistiche fino a quando il re Uther Pendragon, alla morte della moglie a causa della magia stessa, ne bandisce l'uso. In seguito al dolore della perdita, fa uccidere tutti gli stregoni, le streghe e le creature magiche del regno, tranne NimuehMorgause e Morgana.
Merlino, un giovane ragazzo del villaggio di Eldor (al di fuori del regno di Camelot), vive tranquillamente nel suo villaggio senza mai imparare a usare i suoi poteri con incantesimi e parole magiche, essendo tanto potente da usare la magia anche senza formule magiche; un giorno però sua madre lo manda a Camelot affidandolo al saggio medico di corte, Gaius, affinché Merlino riceva uno scopo per i suoi doni durante la vita adempiendo al suo destino, quale che esso sia.
A Camelot Merlino incontrerà il Grande Drago, tenuto prigioniero da Uther Pendragon da vent'anni, il quale gli rivelerà che Merlino ha un grande destino che consiste nel proteggere e servire il principe Artù, cosicché un giorno Artù possa diventare re e fondare il regno di Albion. Spetterà quindi a Merlino il compito di proteggere Artù dai molti nemici di Camelot e del re Uther Pendragon, ma il giovane mago dovrà sempre cercare di tenere nascosti i suoi poteri in quanto Uther ha bandito la magia dal regno e condanna a morte chiunque la possieda, indipendentemente dall'uso che ne faccia.



Recensione

Buongiorno e bentornati sul blog con la recensione della serie tv con protagonista un giovane Merlino (ebbene sì, ce l'ho cavata a finire la prima stagione e ieri ho iniziato la seconda!); la storia di Merlino e Artù la sappiamo tutti, ma questa serie, almeno, ci narra di un giovane Merlino, consapevole di avere dei poteri, pur non avendoli completi (il che probabilmente avverrà più avanti e con il tempo), che arriva a Camelot proprio quando Uther decide di mandare al rogo un mago (coincidenza?? Io temo di no!); con lui c'è un altrettanto giovane Artù, che deve ancora temprarsi, deve ancora imparare ad ascoltare chi gli sta intorno (e chi sarà mai a farglielo notare, se non lo stesso Merlino??), un Artù, che esattamente come il padre, odia la magia (ecco perché Merlino, per un certo periodo, non dirà alcunché); Merlino sa che il suo destino è aiutare Artù, salvarlo da certe situazioni, perché ha scoperto, grazie al drago (incatenato in una caverna), che lui e Artù, sono le due facce della stessa medaglia.
E' ovvio che ci sono anche altri personaggi, da Gaius, colui che guiderà Merlino nella sua crescita, passando per Morgana, che prima o poi, considerato il finale della prima stagione, mi sa tanto che diventerà sacerdotessa, a Gwen, che guarda caso è il diminutivo di Ginevra (dico io, ma se normalmente Ginevra compare BEN DOPO  e con tre cani del piffero, perché qua me la fai comparire subito e come serva di Morgana, tra l'altro??); devo dire che questa Ginevra è diversa da quella di cui ho sempre letto, ma è comunque bello vedere un suo lato diverso. 
Avrete capito, che nonostante ci siano alcune parti leggermente assurde, nel complesso la serie mi è piaciuta (finora!), vedrò come procederà, nei prossimi giorni, ma sono certa che la storia, seppur leggermente romanzata, sarà comunque sempre quella che conosciamo.


La mia valutazione
5

Alla prossima
Luce <3



4 commenti:

  1. La qualità di questa serie è davvero bassa, ma anche io l'ho amata! La seguivo in Tv, peccato che poi abbiano smesso di passarla sul canale dove la guardavo e non sono mai riuscita a finirla :(

    RispondiElimina
  2. Marta ha appena iniziato a guardarla... Dopo I Medici 😁

    RispondiElimina
  3. Per me è stata una serie stupenda, anche se all'inizio ho storto un po' il naso per via delle modifiche rispetto alla trama classica. Con in passare degli episodi me ne sono innamorata e ti avviso che ne vedrai delle belle, e non solo riguardo a Merlino e Artù, ma anche su Morgana, Lancillotto e tanti altri personaggi :)

    RispondiElimina