domenica 15 maggio 2022

Recensione "Marked under my skin", Sagara Lux

 


Autrice: Sagara Lux

Titolo: Marked under my skin

Prezzo: 10,92   e-book 2,99

Link d'acquisto: QUI




Trama

Crudele e bellissimo, Thomas May è l'indiscusso re della Kent.
Lo chiamano "talento puro" perché quando è in campo fa la differenza.
Se lui è in buona, la Kent vince. Se non lo è, la scuola trema.
C'è chi lo ama, chi lo ammira, chi vorrebbe essere come lui.
Io lo odio.
Perché è egocentrico, borioso e arrogante.
Perché non
passa giorno senza che trovi nuovi modi di infastidirmi.
E perché, ogni volta che mi guarda, il respiro mi si ferma nel petto.

Siamo opposti, inconciliabili. E molto, molto arrabbiati.
Non avremmo mai dovuto restare soli, soprattutto in una stanza buia.
Soprattutto senza vestiti.

Quella notte ha cambiato tutto.
Solo, non nel modo che avrei creduto…

-----------------------------------------------------------------------

MARKED UNDER MY SKIN è un romanzo:
- New Adult
- Hate to Love
- Sport Romance
- Bully Romance


"Non gioco tanto per giocare, Amy; quando gioco lo faccio per vincere"

Recensione

Sagara Lux: un nome, un'autrice, un'amica, una DANNATA GARANZIA! Sapete benissimo che non mi sono mai fatta scappare un suo libro, principalmente di genere mafia romance; sta volta la signorina ha cambiato totalmente genere, passando al new adult, hate to love, sport romance e bully romance. Un buco nell'acqua? Assolutamente NO! 

Una cosa ve la posso garantire: dimenticatevi dei romance a cui solitamente siamo abituati ad associarle, perché questa volta ci troviamo di fronte ad un libro dal genere totalmente differente, un enemies-to-lovers dove i protagonisti sono due liceali che si disprezzano e dove il genere "dark" ha preso l'uscio.
Thomas May è il "talento puro" del basket, il ragazzaccio che tutti vorrebbero essere e che tutte desiderano. 
C'è una cosa che Thomas May ama fare più dell'essere popolare, delle feste fuori dalle righe, ancora più del basket: ovvero tormentare la protagonista femminile rispondente al nome di Amy Lee.
Amy ama correre. 
Il vento tra i capelli, la terra che sembra staccarsi dal suolo delle scarpe...tutto questo la fa sentire libera. 
Correre l'aiuta a staccare la mente e soprattutto a non pensare a Thomas. 
Perché Thomas è sempre in agguato, pronto ad umiliarla sempre o a fare gesti crudeli nei suoi confronti, senza un motivo veramente valido. 
Ecco perché Amy è pronta a lasciarsi tutto alle spalle andando all’università, dimenticando per sempre tutto ciò che ha dovuto subire.
Thomas May si comporta come un vero e proprio bullo nei confronti di Amy, peccato che, se il vostro intento è quello di odiarlo, vi avviso seduta stante, che fallirete su tutta la linea!
Quanto ad Amy sembra una di quelle ragazze liceali che non si danno il giusto valore, perché non lo vedono, si reputano delle diciamo "nullità" rispetto alle altre ragazze della scuola, soprattutto le cosiddette "reginette";  
La loro storia inizia piano piano: i due sono completamente differenti, è come se Thomas venisse da Marte e Amy da Venere, ma grazie a un particolare evento, si da il caso che i due pian piano si avvicinino, passando così dall'odio (ma lo è mai stato veramente? Secondo me no!) a qualcosa di ben diverso.

"«Rilassata?» tento. «Felice» dichiara infine. Lo ero davvero. Thomas mi ha fatto arrabbiare come nessuno è mai riuscito a fare. Mi ha umiliata, sorpresa, intrigata, costretta a uscire dal mio guscio e andare oltre i miei limiti. Mi ha cambiata. E io ho cambiato lui." 

Come ho detto Sagara con questo romanzo è passata  a tutt'altro genere, ma è riuscita  a fare suo anche questo, è cresciuta, ha deciso di buttarsi su qualcosa di diverso, pregando di aver fatto centro, e ci è riuscita maledettamente bene!
Questo è un genere che leggo volentieri, Sagara è stata perfettamente in grado di tenermi incollata alle pagine e salire l'adrenalina alle stelle. Perché Amy e Thomas ti entrano dentro, facendo breccia nel vostro cuore e non avrete mai il coraggio di mandarli via.


La mia valutazione

Alla prossima

Luce <3





Nessun commento:

Posta un commento