sabato 24 novembre 2018

Recensione serie "L'amica Geniale", Elena Ferrante

Autrice: Elena Ferrante
Titolo:  L'amica geniale (amica geniale #1)
Prezzo: cartaceo 15,30 e-book 1,99

Link d'acquisto: QUI



Serie L'amica Geniale:
1)L'amica geniale
2)Storia del nuovo cognome
3)Storia di chi fugge e di chi resta
4)Storia della bambina perduta





“Se non c’è amore, non solo inaridisce la vita delle persone, ma anche quella delle città.” 


Trama

L'amica geniale è un romanzo italiano di Elena Ferrante, pubblicato nel 2007. È il primo volume di un ciclo del quale sono usciti altri tre libri: Storia del nuovo cognome (2012), Storia di chi fugge e di chi resta (2013), Storia della bambina perduta (2014).
Il primo volume, diviso in due parti, "Infanzia" e "Adolescenza", è dedicato alla storia di due bambine, Elena (Lenù) e Raffaella (Lila), di un quartiere di Napoli. Entrambe molto intelligenti, insofferenti delle rigide regole di comportamento del "rione" dove abitano, negli anni dell'infanzia si legano di un'amicizia stretta; con la fine della scuola elementare, però, le loro vite si separano, perché per ragioni economiche il padre di Lila, calzolaio, non può farle proseguire gli studi; il padre di Lenù, usciere comunale, riesce invece a permettere alla figlia di continuare alla media, poi al ginnasio. I percorsi delle due ragazzine continuano però ad intrecciarsi, ancor più quando intervengono le prime complicazioni sentimentali. L'ultima pagina narra il matrimonio di Lila.
Il libro si apre con le poche pagine del prologo ("Cancellare le tracce"), che con forte prolessi narrativa presenta un adulto, figlio di Lila, che chiede invano aiuto a Lenù per ritrovare la madre.
La narrazione è condotta in prima persona da Elena; attraverso il suo sguardo si scopre una folla di personaggi, una quantità di ambienti e di usanze, di una Napoli che dalle difficoltà del dopoguerra si apre progressivamente a un modesto benessere, incoraggiato o minacciato dalla presenza della malavita.

“E' stato il Diavolo a inventarsi il mondo, non il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.” 


Recensione
Lo ammetto, ho scansato per mesi, forse anni, sta serie; e ho fatto bene... Peccato che adesso abbia letto il primo volume (non ho nessuna intenzione di leggere i seguenti); perché non ho intenzione di leggerli? Perché mi sono annoiata a morte, ecco perché; per carità, descrizioni belle, l'amicizia tra Elena, conosciuta anche come Lenù, e Raffaella, Lila, è solida, di quelle che ti fanno fare pazzie sempre e comunque; Elena è quella "geniale" per l'appunto, perché studia dalle elementari fino al ginnasio; Lila invece si ferma alle medie, per lavorare con il padre. Ma non è questo il problema..  Sullo sfondo c'è la Napoli degli anni 50, una Napoli che ha subito la guerra; nel "rione", il posto dove abitano le due protagonsite, vigono regole molto strette sul comportamento che non vanno bene nè a Lenù nè a Lila.
L'autrice scava intanto nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati... 
Francamente non mi ha preso così tanto sto libro.. Mi è sembrato troppo lento, la descrizione noiosa... Oltretutto a pensarci bene, Lenù (o Elena, chiamatela come vi pare), mi pare TROPPO attaccata a Lila, come se le due fossero un'unica persona... Non mi è rimasta la voglia necessaria per scoprire cos'altro ci riserva la voce narrante di Elena; sono così senza parole che non so più cosa dirvi...



La mia valutazione
3/5


Alla prossima
Luce <3

“Tu sei la mia amica geniale, devi diventare la più brava di tutti, maschi e femmine.” 


9 commenti:

  1. Curioso per la serie tv, vedremo se la seguiremo..il libro ovviamente non l'ho letto!

    RispondiElimina
  2. Anche a me questa seria di libri ha annoiato, lo stile è pesante da sostenere e soprattutto le vicende potevano essere condensate in due volumi anziché quattro.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  3. A me purtroppo questa serie non attira. Non so perché, ma c'è qualcosa che non mi convince pienamente 😕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capita,per fortuna non è obbligatorio leggere tutto

      Elimina
  4. È Sbagliatissima la frase che allego affianco “E' stato il Diavolo a inventarsi il mondo, non il Padre, il Figlio e lo Spirito Santo.” .
    Non attribuite al diavolo azioni che non ha compiuto!


    RispondiElimina
  5. https://lagloriadidio.wordpress.com/2016/09/23/le-mie-note-il-peccato-piu-grave/
    https://boanergeyhwhnn.forumcommunity.net/m/?t=57507179
    https://boanerges2016.wordpress.com/2016/11/07/dio/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi consiglio di leggerli per capire meglio ciò che ho scritto(quei testi non sono miei).

      Elimina
  6. https://boanerges2016.wordpress.com/2014/02/11/creazione-e-il-futuro/

    RispondiElimina
  7. Attenzione!
    Cercate di informarvi sui peccati contro lo Spirito Santo , perché non sono perdonabili!

    RispondiElimina